Il Blog dei Gatti

ANNEGAMENTO GATTO: COME SALVARGLI LA VITA

Condividi con:

I casi di annegamento nei gatti non sono molto frequenti. Questi animali hanno per istinto il senso di nuoto e del galleggiamento. Può accadere purtroppo che un gatto cadendo in acqua subisca dei traumi che non gli permettono di nuotare. Può accadere anche che non riesca ad uscire dall’acqua e rischi di annegare esaurendo tutte le energie cercando una scappatoia. Capiamo come agire per salvargli la vita.

ANNEGAMENTO GATTO: SOCCORSO

annegamento pericolo piscina
pic from: ruzstarc

Come dicevamo non è facile che un gatto rischi di annegare, ma non è impossibile.Si vede o si sente spesso di animali caduti in piscine, in pozze o corsi d’acqua dai quali fuoriuscire è molto difficile. La prima cosa da fare in queste situazioni è quella di recuperare l’animale. Dipende molto dalla situazione ma usare anche mezzi di fortuna puo’ funzionare. Nel frattempo per sicurezza avvisare i soccorsi veterinari.

Se il gatto è cosciente, per calmarlo basterà avvolgerlo in una coperta o in un maglione.Fargli recuperare le forze e quello che resterà sarà solo un bello spavento. In casi più critici dove l’animale ha perso coscienza e ingoiato tanta acqua bisogna saper agire subito per sarlargli la vita.

Bisogna subito provare ad allontanare l’acqua presente nei polmoni. Se si tratta di un gatto di piccole dimensioni la monovra è quella di metterlo a testa in giù sollevandolo per le zampe posteriori. Nel mentre bisogna comprimere con una mano il torace per 2-3 secondi più volte per facilitare la fuoriuscita dell’acqua. Negli animali di grossa taglia deve essere effettuato lo stesso massaggio. Si possono allora utilizzare entrambe le mani per comprimere il torace. L’animale andrà posizionato sdraiato su un lato facendo attenzione che la testa sia piu’ in basso del corso.

Movimenti respiratori e colpi di tosse se siamo fortunati ci diranno che la respirazione è tornata in atto. Bisognerà portare il nostro amico comunque a visita veterinaria per scongiurare problematiche dovute al trauma. Se la respirazione nonostanmte i nostri sforzi non accenna a riprendere, bisognerebbe praticare la respirazione artificiale in attesa dell’intervento del veterinario. Almeno non fermarsi col massaggio cardiaco sul torace.

annegamento pericolo gatto
pic from: catlos_or_carlos
Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *