Il Blog dei Gatti

GATTI CHE GRAFFIANO: Motivi e rimedi

Condividi con:

Tutti i gatti graffiano. Questo è un comportamento insito nella loro natura di felini, è un istinto primordiale della loro natura. Non ci sono solo i gattini che graffiano, ma anche gli adulti e lo faranno per tutta la vita. Chi ha la fortuna di accudire dei gatti potrebbe interrogarsi a riguardo e cercare informazioni. In questo articolo analizziamo il comportamento dei gatti che graffiano e cerchiamo di spiegarne il perchè.

gatti che graffiano motivi
pic from: sweetmystery_cats

GATTI CHE GRAFFIANO

COSA GRAFFIANO?

La risposta alla domanda su cosa graffiano i gatti è “dipende”. Dipende da dove vive l’animale. Un gatto che vive all’aperto tenderà a graffiare fondamentalmente tronchi di alberi. Così avrà modo di segnare il suo territorio ed attestare la sua presenza con tutti gli altri felini.

Un gatto che vive in appartamento svilupperà abitudini diverse. Non avrà alberi a disposizione e cercherà così delle superfici sostitutive. Probabilmente i suoi mobili preferiti per rifarsi gli artigli saranno i divani. Anche le sedie e i tappeti non saranno al sicuro però. Comprare e fornire al nostro amico a quattro zampe un tiragraffi è sicuramente un opzione da considerare.

GATTI CHE GRAFFIANO: PERCHE’ LO FANNO?

Ci sono molteplici ragioni per le quali i gatti graffiano. La prima, ed anche quella che diamo per scontata è di certo il segnare il territorio. Attività di tutti i gatti che vivono in libertà, ma anche di quelli che vivono in appartamento (il loro territorio è apputno la casa in questo caso).

Ci sono un altra serie di motivazioni per i gatti che graffiano. Secondo alcuni veterinari è un modo del gatto per alleviare la sua ansia, per affilarsi gli artigli e per allungarsi i muscoli. In tutti i casi il graffiare è una funzione significativa della natura di ogni felino, un azione naturale e quotidiana. Ecco spiegato anche il perchè i gatti graffiano i mobili e i tappeti di casa. Inoltre c’è da dire che sotto le zampe, nei cuscinetti hanno ghiandole che rilasciano il proprio odore, quindi oltre che un effetto visivo c’è dietro anche il fattore olfattivo.(Per approfondire leggi: I Sensi del Gatto)

INSEGNARE AL GATTO DOVE GRAFFIARE

I gatti che vivono in appartamento, ma anche quelli che vivono in condizioni di semi libertà, tenderanno a graffiare oggetti di casa che valutano importanti da marcare. Se viene abituato da piccolo o gli vengono forniti gli adeguati attrezzi tiragraffi un gatto potrebbe preferirli ai mobili di casa. Importante è capire quali sono i suoi materiali preferiti da graffiare, che cambiano e sono soggettivi.

Molti o quasi tutti hanno un debole per il cartone ondulato. Fornire a questi animali un tiragraffi in questo materiale potrebbe salvare il mobilio ed essere una scelta anche molto economica. Nel caso non fosse interessato a questo materiale, ci sono soluzioni diverse da potergli fornire. Sul mercato vengono proposte molteplici soluzioni di attrezzi in corda, in legno e perfino rivestiti di moquette. Se ancora non bastasse si puo’ cospargere il tiragraffi con apposite bustine di “cat nip”, cioè erba gatta tritata ed essiccata per attivare i suoi sensi e spingerlo ad usarlo.

Come ultima indicazione per l’acquisto di un tiragraffi che vada a genio al nostro amico a quattro zampe è quello di osservare cosa graffia. Solo così potremmo fornirgli un oggetto sostitutivo della consistenza simile a quella che preferisce graffiare. In sintesi: se tende a rifarsi le unghie sui piedi del tavolo, probabilmente preferirà un tiragraffi in legno. Se preferisce rifarsele sul tappeto o sugli angoli del divano, gliene andrà bene uno rivestito dei medesimi materiali.

gatti che graffiano divano
pic from: furrygambit

GATTI CHE GRAFFIANO: LE UNGHIE VANNO TAGLIATE?

Prendere con sè ed accudire un felino vuol dire non solo nutrirlo e coccolarlo, ma anche prendersi cura di molti aspetti della sual salute fisica. In questo caso le parti interessate saranno le zampe e gli artigli. In alcune momenti, infatti, potrebbe essere necessario tagliarli le unghie. Il momento dovrebbe essere quando osservandolo si nota che i suoi artigli restano incastrati nelle superfici che graffia e si sentono troppo quando cammina.

I veterinari suggeriscono di cercare di rendere il momento del taglio unghie un esperienza divertente per il gatto. Una gratifica come un piccolo snack prelibato sarà sicuramente apprezzata e motiverà l’animale a farsi maneggiare. Così facendo collegherà l’attività con quella ricompensa. Un errore da non fare è quello di rimproverarlo. Il gatto non va rimproverato. Questa opzione non è utile in termini educativi e rischia solamente di aver ritorni indesiderati. Uno tra tutti sono i morsi o gli attacchi da parte del felino che sentirà l’esigenza di difendersi a quello che considera un attacco vero e proprio. Non usare la lettiera e fare i propri bisogni in giro per casa è un altro esempio di comportamenti conseguenti ed indesiderati.

Il semplice taglio delle unghie NON deve essere confuso con un altra pratica molto cruenta che purtroppo esiste tra proprietari e veterinari senza scrupoli. Si chiama “Declawing” o “Deknuckling“, molto comune soprattuto negli Stati Uniti. Significa letteralmente estrarre chirurgicamente gli artigli dalle zampe del gatto. E’ un operazione che chi ama veramente i gatti denuncia con forza. Privare degli artigli un felino ha molteplici risvolti negativi sulla sua salute e sul suo comportamento. Il gatto avrà difficoltà di deambulazione, proverà molto dolore semplicemente entrando a contatto con la sabbia della lettiera. Svilupperà difficoltà nel saltare ed avrà tante possibilità di contrarre infezioni.

GATTI CHE GRAFFIANO LE PERSONE

Come visto in precedenza, i gatti possono graffiare vari oggetti per segnare il territorio, smussarsi gli artigli e per alleviare lo stress. Ci sono alcune situazioni dove possono prendere di mira le nostre braccia o le nostre caviglie. Anche qui, però, c’è da fare chiarezza su cosa spinge il nostro amato animale a quegli attacchi.

Di solito è un avvertimento o un attacco per difendersi da qualcosa (abbiamo prima descritto la reazione ad un rimprovero). magari il gatto è stato disturbato in un momento di relax e, non gradendo, ha esposto il suo disapputno con un graffio o un morso. Allora va lasciato solo e fatto calmare. Una buona parte di gatti, inoltre, attaccano quando gli viene toccata la pancia

Più semplicemente un gatto potrebbe mordere o graffiare una persona per gioco. Preso dalla frenesia del giocare potrebbe farlo senza cattive intenzioni, quindi basterà fermare la mano o il braccio. Si renderà conto che non volete continuare con quel gioco e mollerà la presa. Nella maggior parte dei casi questo avviene perchè il proprietario dell’animale da piccolo gli ha insegnato a mordicchiare per divertimento le sue mani, simulando un gioco di lotta. Questo comportamento, pero’, è sconsigliato da tutti i veterinari ed i comportamentalisti felini. Non è un attività sana e potrebbe indurre il gatto in comportamenti aggressivi. Nei casi eccezionali di aggressività incontrollabile di un gatto si deve rivolgersi al proprio veterinario per consigli e magri ad un comportamntalista felino.

CONCLUSIONE

I gatti che vivono in appartamento riportano tra le mure domestiche tutti i loro istinti e le loro caratteristiche di predatori naturali. Potrebbe volerci tempo e pazienza per insegnare al nostro amico a non rovinare i nostri mobili e rifarsi gli artigli solo sul tiragraffi. Ma tutti gli sforzi non saranno vani e serviranno a cementare il rapporto umano/animale e da qui ne deriverà il benessere di entrambi. Se così non dovesse andare ed il gatto e il gatto dovesse distruggere tutti i divani e i tappeti…sarà comunque sempre perdonato…

gatti che graffiano mobili
pic from: naturalycat
SCOPRI DIVERSE CURIOSITA’ LEGGENDO ALTRI ARTICOLI:
9 particolarità dei gatti che (forse) ignori
TOILETTE DEL GATTO: fa tutto da solo?
GATTI STRANI: Razze e incroci molto particolari
Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *