Il Blog dei Gatti

GATTI STRANI: Razze e incroci molto particolari

Condividi con:

Intorno al XX secolo l’uomo ha iniziato a selezionare e programmare incroci tra varie razze per cercare di isolare le piu’ disparate stravaganze e far nascere “gatti strani”. I risultati hanno portato a volte alla nascita di animali dalle caratteristiche davvero insolite.Scopriamo in questo articolo alcune delle razze più strane al momento in circolazione.

GATTI STRANI : ASPETTI GENERALI

Far accoppiare diversi tipi di gatto tra loro, come anticipato in precedenza, è un azione messa in campo dall’uomo per ottenere “gatti strani“. Si vogliono intendere felini con particolari caratteristiche che, così, portano alla nascita di nuove razze. I programmi selettivi di questo genere sono iniziati a nascere intorno al XX secolo un po’ in tutto il mondo. Sono partiti per creare colori insoliti del pelo, orecchie molto grandi o quasi assenti, coda corta o del tutto assente, mantello lungo o riccio…

Grazie a questi incroci, infatti, praticamente tutte le parti del corpo di un gatto possono essere modificate.

Molte alterazioni sono nate e nascono come naturali mutazioni genetiche dei gatti selvatici. Ma gli animali in natura tendono a non sopravvivere, proprio perchè queste modificazioni sono sfavorevoli. Nei gatti domestici, invece, queste modificazioni possono essere conservate facendo riprodurre il gatto interessato e tenendo in vita i soggetti con cure particolari da parte dei proprietari.

C’è da specificare che mutazioni genetiche naturali possono anche essere tali da non portare pericoli di vita all’animale e renderlo perfettamente sano e robusto. Basta pensare alle mutazioni del mantello (tipo dei felini albini). Comunque in linea più generale, nella maggior parte dei casi le anomalie fisiche feline ottenute con i programmi selettivi di riproduzione, presentano parecchi problemi di salute ma l’uomo pare dargli non troppo peso continuando la sua opera.

Di seguito scopriamo le 5 razze di gatti strani più conosciute (forse).

GATTO MANX

gatti strani gatto manx
pic from: ruethemanx_leothelion

Il gatto Manx è stato selezionato a partire da alcuni gattini nati, per alterazioni genetiche, senza la coda. Il suo nome è preso dal suo luogo di origine, l’isola di Man, al largo delle coste dell’Inghilterra nord-occidentale. Ora è una razza famosa e molto apprezzata all’estero. In Italia si iniza a far conoscere da pochi anni. Leggi l’articolo completo: “Gatto Manx

GATTO LYKOI

gatti strani gatto lykoi
pic from: zurithewolfcat

Il gatto Lykoi è sicuramente da inserire nella classifica dei gatti più strani. La sua razza è nata solamente da pochi anni, infatti è stata riconosciuta ufficialmente dalla T.I.C.A. nel 2012. Si tratta di un felino che per una naturale mutazione genetica presenta parti del corpo prive di pelo. Il resto del mantello è simile a quello di un opossum. Il risultato è un dolcissimo gatto “mannaro”. Leggi l’articolo completo: “Gatto Lykoi

GATTO SPHYNX

gatti strani gatto sphynx
pic from: nocoatcats

Il gatto Sphynx nasce per una selezione attivata nel 1966 in Canada. La caratteristica che lo rende inconfondibile è che è totalmente privo di pelo. Detto anche per questo motivo “gatto nudo”, questo felino dallo strano aspetto nasconde un carattere molto docile e affettuoso. Ama il contatto fisico con i suoi familiari umani ed è molto attivo. Leggi l’articolo completo: “Gatto Sphynx

GATTO DEVON REX

gatti strani gatto devon rex
pic from: devonrexray

Il Devon rex è un gattino tra i piccoli esistenti. Ha il pelo riccio e la testa triangolare, il naso lungo che lo fa sembrare un piccolo elfo. Come i suoi cugini, i cornish rex, sono frutto di una mutazione genetica selezionata e portata avanti allo scopo di ottenerne una nuova razza. La loro caratteristica principale è il pelo riccio e corto. Anche le vibrisse sono arricciate. Per tutto il resto sono felini sani, affettuosi e soprattuto, super attivi. Leggi l’articolo completo: “Gatto Devon Rex

GATTO BURMILLA

gatto burmilla
pic from: leia.and.vide

Il gatto Burmilla deriva da un incrocio tra un gatto burmese ed un persiano cincillà. La sua “stranezza” la ritroviamo nel mantello e negli occhi: Il suo pelo è argento, con riflessi lilla, ed i suoi occhi riportano una bordatura nera, quasi a sembrare frutto di un make-up. I paesi dove è più presente sono la Gran Bretagna e la Danimarca. Leggi l’articolo completo: “Gatto Burmilla

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *