Il Blog dei Gatti
obesità gatto

Obesità del gatto: Cause del gatto grasso

Condividi con:

L’obesità del gatto è una malattia nutrizionale definita da un eccesso di grasso corporeo. I gatti che sono troppo nutriti, non hanno la capacità di fare esercizio fisico o che hanno la tendenza a ingrassare sono a rischio di diventare obesi. L’obesità può provocare gravi effetti negativi sulla salute, come la riduzione della durata della vita di un gatto che ne è affetto. Anche se il gatto è solo moderatamente obeso. Molteplici aree del corpo sono influenzate dall’eccesso di grasso corporeo, comprese le ossa e le articolazioni, gli organi digestivi e gli organi responsabili della capacità respiratoria.

gatto grasso
gatto grasso

Sintomi e cause dell’obesità del gatto

L’obesità del gatto è tra i più comuni problemi di salute dei gatti. Di solito si verifica nella mezza età, e generalmente in quelli di età compresa tra 5 e 10 anni. I gatti sterilizzati e in casa hanno il rischio più elevato di diventare obesi. Causa la mancanza di attività fisica o di cambiamenti nel metabolismo. I sintomi possono essere:

  • Aumento di peso
  • Eccesso di grasso corporeo
  • L’incapacità (o riluttanza) di esercitare
  • Un punteggio sopra l’ideale in una valutazione delle condizioni del corpo

Esistono, d’altra parte, diverse cause che rendono un gatto grasso. La causa più comune è uno squilibrio tra l’assunzione di energia e il suo utilizzo. In termini molto schietti: il gatto sta mangiando più di quanto possa spendere. L’obesità diventa anche più comune nella vecchiaia, a causa delle normali diminuzioni della capacità di esercizio di un gatto. 

L’alimentazione del gatto è un aspetto fondamentale. Anche le cattive abitudini alimentari, come cibi ipercalorici, troppo cibo secco, un’alimentazione alternata e trattamenti frequenti possono portare a questa condizione.

Altre cause comuni includono:

  • Ipotiroidismo
  • insulinoma
  • iperadrenocorticismo
  • sterilizzazione

Diagnosi obesità del gatto

L’obesità del gatto viene diagnosticata principalmente misurando il peso corporeo del felino e segnando le sue condizioni corporee, che comporta la valutazione della sua composizione corporea. Il veterinario lo farà esaminando il gatto, palpando le costole, la zona lombare, la coda e la testa. I risultati vengono quindi confrontati con il particolare standard di razza che il gatto soddisfa meglio.

Se al tuo gatto viene diagnosticata l’obesità, sarà perché ha un eccesso di peso corporeo che misura circa dal 10 al 15 percento. Nel sistema di punteggio a nove punti, gli animali che hanno un punteggio di condizione corporea superiore a sette sono considerati gatti grassi.

Prevenire l’obesità nei gatti

La maggior parte dei veterinari riferisce che una percentuale più elevata di pazienti con gatto è in sovrappeso o obesa, rispetto ai pazienti con cane. Gli studi tendono a confermare questa osservazione. Programmi di perdita di peso di successo nei gatti sono in genere più difficili che per i cani.

Le dinamiche di rapporto coi felini e le differenze nelle preferenze alimentari complicano una soluzione di perdita di peso adatta a tutti. La prevenzione dell’obesità è importante per cani e gatti, ma è fondamentale per i gatti grassi.  Di seguito è riportata una strategia di alimentazione per mantenere il peso ottimale nei nostri amici felini.

Strategia alimentare per gatti obesi

Alimentare il conteggio calorico TOTALE del gatto. Questa strategia richiede che venga calcolato il fabbisogno calorico giornaliero di ciascun gatto e che venga determinato un totale per l’intera famiglia se si hanno più gatti in casa.

Per esempio, per un gatto di 5 kg, potremop calcolare circa 250-300 calorie al giorno. (E’ un esempio, ogni razza e ogni gatto possono avere riferimenti diversi). Il tuo veterinario deve consigliarti

Una volta determinato il fabbisogno calorico totale del gatto, la densità calorica del cibo è il passo matematico successivo. I produttori di alimenti per gatti non sono tenuti a rivelare il contenuto calorico dei loro alimenti sull’etichetta. Se non è disponibile, potrebbe essere necessario consultare il sito Web dell’azienda. Una volta trovate queste informazioni, la quantità totale di cibo viene calcolata per soddisfare il fabbisogno calorico del nostro amico felino. Erogheremo quella quantità senza dare snack fuoripasto, monitorando le condizioni fisiche del nostro amico a quattro zampe.

Portiamo anche un esempio per una famiglia con più gatti.

Esempio: Alimentazione scelta tutto secco, crocchette, alimentazione calcolata di una famiglia di 3 gatti medi. Il cibo contiene 375 calorie per tazza. La famiglia ha bisogno di 750-900 calorie al giorno. Dividiamo la differenza e assumiamo 825 calorie al giorno. La quantità totale di cibo per la famiglia è:

825 calorie divise per 375 calorie per tazza = 2,2 o circa 2 e 1/3 tazze di cibo al giorno

La regola pratica per contrastare l’obesità del gatto ,in questo caso, è quella di avere 1-2 più stazioni di alimentazione rispetto al numero di animali. Andranno ampiamente separati in tutta la casa o appartamento. Idealmente, le postazioni dovrebbero essere posizionate in modo che le aree che richiedono sforzi per accedervi. 

Dividendo le nostre 2.33 tazze di cibo abbiamo bisogno di cinque stazioni di alimentazione con poco meno di ½ tazza di cibo. Nessun altro cibo deve essere offerto e il punteggio delle condizioni del corpo di ciascun gatto andrà monitorato. Questo per garantire che tutti i gatti competano con successo per calorie adeguate.

Se si preferisce una combinazione di cibo in scatola e secco, le calorie umide vengono sottratte dal totale domestico. La quantità di cibo secco viene ricalcolata per le postazioni di alimentazione. Coloro che preferiscono l’alimentazione programmata di solo in scatola o in scatola più secco, devono calcolare le esigenze di ciascun gatto per pasto. Ricerche recenti suggeriscono che pasti multipli programmati o casuali aumentano il livello di attività di un gatto e portano a un maggiore dispendio calorico e alla prevenzione del sovrappeso.

Studiando l’obesità del gatto, gli stessi ricercatori hanno anche documentato livelli di attività più elevati quando ai gatti grassi è stato offerto crocchette secche con l’aggiunta di acqua. Tuttavia, quanto più cibo inumidito viene lasciato disponibile per l’alimentazione , tanto meno è probabile che venga consumato. I gatti sappiamo che sono schizzinosi..

Alcuni proprietari di gatti scopriranno anche che i gatti estremamente dominanti o estremamente sottomessi rendono questa strategia molto difficile. Perchè non si riesce a garantire a tutti gli animali di avere i loro bisogni nutrizionali.  In questi tipi di ambienti sono necessarie alternative di alimentazione separate e isolate per il mangiatore dominante o sottomesso.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *